ULTIMI POST

venerdì 26 maggio 2017

"Troppe ombre su incidente Cova". M5S presenta denuncia in Procura

"Non bastano parole rassicuranti di Pittella, né auto-assoluzioni dell'Eni"

"Sono molti ancora i nodi da sciogliere e molte sono le ombre che si allungano a seguito delle numerose dichiarazioni di Eni in relazione alla fuoriuscita di petrolio dal Cova di Viggiano. Per questo, come portavoce M5S 
in Consiglio Regionale e in Parlamento Europeo, abbiamo presentato un atto di esposto e di contestuale denuncia-querela presso la Procura di Potenza".



Lo annunciano i portavoce in Consiglio regionale del Movimento 5 Stelle Basilicata, Leggieri e Perrino e il portavoce del Movimento al Parlamento europeo, Piernicola Pedicnini. 



"Ci volevano le immagini dell’audizione di Eni in Commissione Bicamerale d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti - spiegano i tre pentastellati- per venire a conoscenza di ulteriori sconvolgenti particolari sul colabrodo di Eni a Viggiano. Eni, oltre a fare l’elenco dei sacrosanti compitini per riparare in qualche modo il disastro in atto, ha ammesso implicitamente di non essere in grado di escludere che vi siano stati altri incidenti in passato. Mentre dalla nuova ondata di documenti pubblicati dalla Regione, fanno riflettere i solleciti di alcune aziende dell’area, per conoscere sia l’entità del danno, sia le azioni messe in campo per porre rimedio allo stesso. Fa rabbrividire l’approssimazione con cui Eni pare aver affrontato la situazione: quello che doveva essere un impianto all’avanguardia con i massimi standard tecnologici, si rivela essere un catorcio quasi al limite dell’obsolescenza. Se a questo si aggiunge lo scandalo dello smaltimento illecito dei rifiuti al centro Eni di Viggiano emerso ad aprile 2016 con Trivellopoli, e su cui continua ad indagare la Procura della Repubblica del capoluogo lucano, il quadro tragico è proprio completo. Queste sono solo alcune delle incongruenze emerse da un anno a questa parte. Lo abbiamo ribadito svariate volte e lo facciamo ancora: l’Eni- aggiungono Pedicini, Leggieri e Perrino- non deve più proseguire con le sue attività in Val D’Agri. 


L’unica road map possibile è quella della bonifica totale dell’area e della chiusura definitiva del Centro Oli. Intanto è necessario che nessuno provi a ridimensionare quanto accaduto: non ci bastano le parole rassicuranti di Pittella o chi per lui, né le auto-assoluzioni del cane geneticamente modificato. L'esposto dei due portavoce del M5S contro Eni si va ad aggiungere a quello presentato nei giorni scorsi da Legambiente e a quello dei sindaci di Viggiano e Grumento Nova. 

L'Eni, lo scorso 4 maggio, in un tavolo al Ministero per l'Ambiente si era 'auto denunciata' affermando che da uno dei serbatoi del Centro Oli di Viggiano erano fuoriuscite, nel periodo compreso tra agosto e novembre 2016, 400 tonnellate di petrolio. Nessuna conferma, o smentita, al momento ha fornito la Regione Basilicata sulla quantità dello sversamento e l'entità della contaminazione.

Nessun commento: