ULTIMI POST

giovedì 27 aprile 2017

Eurogruppo: i Paesi del Sud Europa cosa aspettano a reagire?

di Movimento 5 Stelle Europa

Come può l'Italia partecipare ancora all'Eurogruppo? Come possono i Paesi insultati dal presidente Jeroen Djisselbloem discutere a quel tavolo? Noi chiediamo al nostro Governo di prendere una posizione forte, di abbandonare quel tavolo e chiediamo a tutti gli altri Paesi insultati da questo individuo di fare altrettanto.

Le dichiarazioni secondo cui gli Stati membri del Sud Europa sarebbero popolati da ubriaconi e, passateci il termine, puttanieri, non sono ammissibili e non possono essere dimenticate.





Specialmente perché il presidente Djisselbloem non ha ancora chiesto scusa e ha anzi cercato di giustificarsi con giri di parole privi di ogni logica, e - come siamo ormai abituati quando si tratta di istituzioni europee - privi del benché minimo spirito europeo originario, che parlava di umanità e solidarietà tra popoli.

Djisselbloem, inconsapevolmente, ha gettato la maschera, anche se bastava leggere i suoi comportamenti nel corso del pasticcio con la Grecia per capire di che pasta è fatto. Djisselbloem, che è stato ministro delle finanze dell'Olanda, ovvero di un paradiso fiscale a norma di legge, è venuto a Bruxelles per parlare di austerità, di vincoli economici, di comportamenti virtuosi.




Viene la pelle d'oca nel pensare che Djisselbloem detiene di fatto le chiavi del più stringente vincolo europeo, ovvero la moneta unica. Quella valuta che racchiude in modo totalmente asimmetrico le economie del ricco Nord in contrapposizione con gli ubriaconi e i fannulloni (per non usare un altro termine caro a Djisselbloem) del Sud.

Sempre secondo le parole del presidente, ci dovremmo pure scusare se per colpa della miopia dei cosiddetti tecnocrati, greci, italiani, spagnoli, portoghesi siedono da anni sull'orlo del baratro e chiedono aiuto. Anche il FMI ormai dice che il debito greco deve essere tagliato perché insostenibile. Ma per loro no, non è così, i greci devono pagare dato i soldi li spendono in donne e alcool.

È scandaloso che Jeroen Djisselbloem sia ancora al suo posto, che venga a riferire al Parlamento europeo mentre la Grecia si stia sfaldando sotto i pesi dei memorandum. Basta.

Nessun commento: