ULTIMI POST

venerdì 25 marzo 2016

Sull'Immigrazione il Governo continua a sbagliare

Movimento 5 Stelle Europa

All'ultimo Consiglio europeo, quello del vergognoso accordo con la Turchia, Renzi ha presentato ai partner europei la sua ricetta per combattere l'immigrazione clandestina, anzi selvaggia come la definisce. Renzi non è esperto di Africa come l'amico-piddino Walter Veltroni ma ha le idee chiare: "se vogliamo davvero dare una mano - dichiara ai giornalisti - per ridurre l'immigrazione selvaggia l'unica cosa è fare investimenti e interventi nei Paesi d'origine". Quello che per Renzi è investimento in realtà è neocolonialismo! L'Europa spaccia per aiuto la più vergognosa delle ipocrisie: il sostegno a governi corrotti e multinazionali avide che sfruttano quei popoli per le materie prime.



Ci chiediamo infine se Renzi annovera nella sua lista di "investimenti" anche le armi che generosamente l'Italia vende a Paesi che invece avrebbero bisogno solo di istruzione, pace e inclusione sociale. Le politiche di questa Europa sono la causa scatenante dell'immigrazione clandestina.

Facciamo due esempi:

ERITREA
L'Eritrea è diventata indipendente nel 1993 e da allora non si sono mai svolte elezioni libere. L'Eritrea è ultima nella classifica mondiale dei Paesi che rispettano i diritti umani e per 8 anni consecutivi ha occupato l'ultimo posto nella classifica sulla libertà di stampa. Le conseguenze? Circa 400.000 eritrei hanno lasciato il loro Paese (il 9% della popolazione). Da questa emigrazione di massa il governo ricava soldi, visto che estorce agli espatriati un'imposta media del 2% sui loro redditi percepiti all'estero minacciando di morte i familiari rimasti nel Paese. Lo scorso 28 gennaio l'Europa ha siglato ad Asmara un piano di aiuti pari a 200 milioni di euro per i prossimi 5 anni. L'Europa aiuta un Paese che legalizza di fatto la schiavitù e che si allea con le multinazionali per sfruttare la sua popolazione, come denunciato dall'Onu. La compagnia canadese Nevsun è stata accusata in un recente rapporto delle Nazioni Unite di aver costruito una miniera grazie ai lavori forzati. Il portavoce del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao, nella Commissione Sviluppo del Parlamento europeo, aveva chiesto un dietrofront fino a quando il governo eritreo non avesse cambiato questa politica repressiva. Questa posizione è stata ignorata.

REPUBBLICA CENTROAFRICANA
La verità sui rapporti fra Europa e la Repubblica Centroafricana è stata rivelata nel rapporto "Legno insanguinato" scritto da una organizzazione non governativa che da anni opera sul territorio. "Global Witness" ha mostrato prove e documenti di come le multinazionali del legno abbiano pagato milioni di euro ai ribelli colpevoli di omicidio di massa, rapimenti, stupri e il reclutamento forzato di bambini soldato. Tutto solo per poter continuare a tagliare gli alberi ed esportare il legname liberamente. Dal 2013 la Repubblica Centroafricana è immersa in un conflitto che ha causato più di 5 mila morti e creatoflussi migratori di oltre 1 milione di persone. Ecco spiegato come nasce l'immigrazione.

I fondi europei per lo sviluppo sono un grande strumento di politica internazionale: se usati bene possono obbligare alcuni Paesi restii ad avvicinarsi alla democrazia, così da creare e redistribuire ricchezza sul proprio territorio. Se non c'è fame, se non ti cadono le bombe in testa, non si creano i presupposti per l'immigrazione selvaggia. Ma forse Renzi conosce l'Africa e i suoi problemi tanto quanto il suo amico-piddino Walter Veltroni...