ULTIMI POST

mercoledì 3 febbraio 2016

Ecco come l'occidente crea il terrorismo

di Andre Vltchek

"Anche i legionari e gladiatori dell'Impero, come i Mujaheddin, Al-Qaida, o ISIS, non potranno mai avvicinarsi alla ferocia che è stata dimostrata più e più volte dai loro maestri inglesi, francesi, belgi, tedeschi o americani".

Il terrorismo ha molte forme e molte facce, ma la più terribile di loro è la fredda crudeltà, scrive Andre Vltchek* su Counterpunch.

Ci viene chiesto di credere che i terroristi sono dei pazzi che vanno in giro con bombe, mitragliatrici e cinture esplosive. Ecco come ci viene detto di immaginarli.




Molti di loro hanno la barba; quasi tutti sono "stranieri", non bianchi, non occidentali. In sintesi sono violenti, stupratori di bambini e distruttori di statue greche e romane.


In realtà, durante la guerra fredda, ci sono stati alcuni "terroristi" bianchi - le persone di sinistra appartenenti a diverse cellule rivoluzionarie, in Italia e nel resto d'Europa. Ma solo ora stiamo imparando che gli atti terroristici attribuiti a loro sono stati effettivamente commessi dall'Impero, da diversi governi di destra europei e dei servizi di intelligence.

"Doveva essere fatto", al fine di screditare la sinistra, solo per assicurarsi che la gente non sarebbe diventata così irresponsabile da votare per i comunisti o i veri socialisti. Ci sono stati anche diversi gruppi latinoamericani del "terrore" - i movimenti rivoluzionari in lotta per la libertà e contro l'oppressione, soprattutto contro il colonialismo occidentale.

Dovevano essere contenuti, liquidati, e se avessero preso il potere, rovesciati.

Ma i terroristi sono diventati veramente popolari in Occidente solo dopo che l'Unione Sovietica e il blocco comunista sono stati distrutti attraverso l'impiego di mezzi economici, militari e di propaganda. A quel punto, l'Occidente si è sentìto improvvisamente troppo esposto, così sola senza nessuno da combattere. In qualche modo sentiva di aver bisogno di giustificare i suoi mostruosi atti di oppressione in Africa, Medio Oriente, America Latina e Asia.

Era necessario un nuovo, "potente", davvero potente, nemico per razionalizzare le spese militari e di intelligence astronomiche. Non era sufficiente affrontare alcune centinaia da qualche parte all'interno della giungla colombiana o in Irlanda del Nord o la Corsica. Ci doveva essere qualcosa di veramente grande, qualcosa di simile al 'male' che era la "minaccia" sovietica.

E così l'Occidente ha legato il terrorismo con l'Islam, che è una delle più grandi culture della terra, con 1,6 miliardi di seguaci. L'Islam è grande e abbastanza potente, per spaventare le casalinghe della classe media in qualche sobborgo occidentale! E per di più, doveva essere contenuto in ogni caso, dato che era essenzialmente troppo socialista e troppo tranquillo.

In quel momento nella storia, tutti i grandi leader laici e socialisti dei paesi musulmani, (come in Iran, Indonesia ed Egitto), sono stati rovesciati da parte dell'Occidente, le loro eredità spazzate via.

Ma non era sufficiente per l'Occidente!

Al fine di rendere l'Islam un nemico degno, l'Impero ha dovuto radicalizzare prima e distorcere un numero infinito di movimenti e organizzazioni musulmane, quindi crearne di nuove, di conseguenza formarle, inserirle e finanziarle, in modo da renderle davvero spaventose.

Vi è naturalmente un altro motivo importante per cui il "terrorismo", in particolare il "terrorismo" musulmano, è così essenziale per la sopravvivenza delle dottrine occidentali, dell'eccezionalismo e della dittatura globale: esso giustifica la nozione occidentale di assoluta superiorità culturale e morale.

Ecco come funziona:

Per secoli, l'Occidente si è comportato come un mostro assetato di sangue. Nonostante la propaganda di auto-glorificazione diffusa dai media occidentali in tutto il mondo, stava diventando noto a tutti che l'Impero stava violentando, uccidendo e saccheggiando in quasi tutti gli angoli del globo. Qualche decennio e il mondo avrebbero visto l'Occidente esclusivamente come una malattia sinistra e tossica. Tale scenario doveva essere impedito con tutti i mezzi!
E così gli ideologi e propagandisti dell'Impero idearono una nuova e brillante formula: Creiamo qualcosa che sembra e si comporta anche peggio di noi, e così potremo vantarci di essere ancora la cultura più ragionevole e tollerante sulla terra!
E ancora: Combattiamo una nostra creatura - cerchiamo di combattere in nome della libertà e della democrazia "!
Così è nata la nuova generazione; la nuova razza di "terroristi".
***
Il tema del terrorismo occidentale non è stato realmente affrontato, anche se le sue forme più estreme e violente si sono abbattute sul mondo senza sosta e per lungo tempo, con centinaia di milioni di vittime.

Anche i legionari e gladiatori dell'Impero, come i Mujaheddin, Al-Qaida, o ISIS, non potranno mai avvicinarsi alla ferocia che è stata dimostrata più e più volte dai loro maestri inglesi, francesi, belgi, tedeschi o americani. Naturalmente stanno cercando molto duramente di soddisfare i loro padroni, ma non sono capaci della loro violenza e brutalità.

Ci vuole "cultura occidentale" per macellare circa 10 milioni di persone in una sola singola area geografica1

***

Quindi, cos'è il vero terrorismo, e come potrebbero, l' ISIS e altri, seguire l'esempio? Dicono che l'ISIS abbia decapitato le sue vittime. Un orrore. Ma da chi avrà imparato?

Per secoli, gli imperi d'Europa hanno ucciso, torturato, stuprato, mutilato persone in tutti i continenti del mondo.

Re Leopoldo II e le sue coorti sono riusciti a sterminare circa 10 milioni di persone dell'Africa occidentale e centrale, in quello che è ora conosciuto come il Congo. Era a caccia di persone come animali, costringendoli a lavorare nelle sue piantagioni. Se pensava che non stavano riempiendo i suoi forzieri abbastanza rapidamente, non ha esitato a tagliare loro le mani, o bruciare intere popolazioni dei villaggi all'interno delle loro capanne, vivi.

10 milioni di vittime. 10 milioni! E tutto questo non ha avuto luogo in un passato lontano, nei "secoli bui", ma nel 20° secolo, sotto il dominio della cosiddetta monarchia costituzionale e autoproclamata democrazia.

I Mujahideen, Al-Qaida, ISIS - a ben guardare, le loro tattiche di intimidazione e terrore non sono affatto originali. Sono costruite sulle pratiche imperialiste e colonialiste dell'Occidente.

Notizie su questo, o sul terrore che è stato inflitto sul Pianeta dall'Occidente, sono meticolosamente censurate.

D'altra parte, la violenza delle organizzazioni terroristiche viene costantemente evidenziata.

Tutti sono furiosi, inorriditi! L'Onu è "profondamente preoccupata", i governi occidentali sono "indignati", e il pubblico occidentale "ne ha avuto abbastanza - non vuole gli immigrati provenienti da quei paesi terribili che stanno allevando il terrorismo e la violenza".

Ed ecco che arriva la guerra al terrore.

Si tratta di una guerra contro il Frankenstein dell'Occidente. È una guerra che non è pensata per essere vinta. Perché se si vince, Dio non voglia, ci dovrebbe essere la pace, e la pace significa tagliare i bilanci della difesa e anche affrontare i problemi reali del nostro Pianeta.

La pace significherebbe per l'Occidente fare i conti con il proprio passato. Significherebbe pensare alla giustizia e riorganizzare l'intera struttura di potere del Pianeta.

E così l'Occidente "gioca" giochi di guerra; sta "combattendo" le proprie reclute (o fingendo di combatterle) mentre persone innocenti stanno morendo.

Nessuna parte del mondo, tranne l'Occidente, sarebbe in grado di inventare e scatenare qualcosa di così vile e barbaro come ISIS o Al-Nusra!

Guardate da vicino la strategia di questi gruppi: non hanno radici nella cultura musulmana. Ma sono completamente ispirati alla filosofia occidentale del terrorismo colonialista.

***
Storicamente, il terrorismo è un'arma occidentale.

Ecco perché, quando qualche estraneo, un paese come la Russia, viene coinvolto, lanciando la sua guerra vera e propria contro i gruppi terroristici, l'intero Occidente è consumato dal panico. La Russia sta rovinando tutto il loro gioco!

Basta guardare come, dopo aver ucciso centinaia di milioni in tutto il mondo, l'Occidente si presenta come il campione autoproclamato dei diritti umani e della libertà. Sta ancora terrorizzando il mondo, saccheggiando, controllando pienamente - ma viene accettato come il leader supremo, un consigliere benevolo, e l'unica parte affidabile del mondo.

E nessuno sta ridendo.

Perché hanno paura!

Le sue legioni brutali in Medio Oriente e Africa stanno destabilizzando interi paesi, le loro origini sono facilmente rintracciabili, ma quasi nessuno osa denunciarlo. Alcuni di coloro che ci hanno provato - sono morti.

Più spaventosi sono questi mostri terroristici inventati, fabbricati e impiantati, più bello apparirà l'Occidente.

I terroristi rappresentano il male, non l'enorme spesa per le casse del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, dell'Unione Europea e la NATO.

E l'Occidente, cavalcando il cavallo bianco, è ritratto sia come la vittima che l'avversario principale di questi gruppi terroristici

Si tratta di uno spettacolo incredibile. Si tratta di una terribile farsa. Guardate sotto la maschera del cavaliere: guardate che sorriso mortale! Guardate i suoi occhi rossi, pieni di avidità, lussuria e crudeltà.



E non dimentichiamo mai: colonialismo e imperialismo sono le due forme più letali di terrorismo. E queste sono ancora le due armi principali di quel cavaliere che sta soffocando il mondo!




*Andre Vltchek è un filosofo, saggista, documentarista e giornalista investigativo. Ha filmato e raccontato guerre e conflitti in decine di teatri. I suoi ultimi libri sono: “Exposing Lies Of The Empire” e “Fighting Against Western Imperialism”. "Discussion with Noam Chomsky: On Western Terrorism. Point of No Return" è il suo saggio politico più famoso. Oceania – un libro sull'imperialismo occidentale nel Sud Pacifico. Il suo libro provocatorio sull'Indonesia: “Indonesia – The Archipelago of Fear”. Andre realizza documentari per teleSUR e Press TV.  Dopo aver vissuto diversi anni in America Latina e Oceania, Vltchek lavora e vive in Medio Oriente e in Asia. Potete seguirlo sul suo sito o su Twitter.


Fonte : l'Antidiplomatico