ULTIMI POST

venerdì 7 agosto 2015

Europa ed Aiuti di Stato: l'ignoranza dei nostri Politici in materia, penalizza il nostro Mezzogiorno

di Antonio M. Rinaldi

Che la classe politica italiana non abbia mai avuto dimestichezza con le regole previste dai Trattati che ci legano all’Unione Europea e alla moneta unica è ormai tristemente di dominio pubblico. Ma il fatto più grave e imperdonabile consiste nel fatto che la Germania sia riuscita ad inserire nel ginepraio degli articoli già dai tempi di Maastricht, specifiche deroghe agli aiuti di Stato per quei territori dell’ex DDR, mentre noi non abbiamo avuto la stessa capacità di inserirle per le aree più in difficoltà del Mezzogiorno e dobbiamo ancora a tutt’oggi affidarci pertanto a quelle generiche previste che sistematicamente non riusciamo ad ottenere.

Infatti già dalla prima stesura del Trattato istitutivo l’Unione Europea TUE (Maastricht) e successivamente ribaditi nel Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea TFUE (Lisbona), furono previsti specifici articoli che vietavano i cosiddetti “aiuti di Stato”, prevedendo tuttavia delle specifiche deroghe con particolare riferimento all’ex Repubblica Democratica Tedesca. La materia è trattata specificatamente negli artt. 87, 88 e 89 del TUE (divenuti ora artt.107, 108 e 109 del TFUE) in cui viene data la definizione di “aiuto di Stato” rilevante ai fini del Trattato e le rispettive deroghe.


I requisiti che una misura deve possedere per essere qualificata come aiuto di Stato, ai sensi dell’art 87 (ora 107 TFUE), paragrafo 1 del Trattato TUE, sono quattro e devono essere compresenti:

1) origine statale dell’aiuto (aiuto concesso dallo Stato ovvero mediante risorse statali);

2) presenza di un vantaggio selettivo;

3) incidenza sulla concorrenza;

4) incidenza sugli scambi tra gli Stati membri.

Altresì sono “compatibili” con il mercato comune e pertanto da considerarsi deroghe:

a) Gli aiuti a carattere sociale concessi ai singoli consumatori a condizione che siano accordati senza discriminazioni determinate dall’origine dei prodotti,

b) Gli aiuti destinati ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali,

c) Gli aiuti concessi all’economia di determinate regioni della Repubblica Federale di Germania che risentano della divisione della Germania, nella misura in cui sono necessari a compensare gli svantaggi economici provocati da tale divisione.

Possono “considerarsi compatibili” con il mercato comune e pertanto essere annoverate come deroghe e non aiuti di Stato:

a) Gli aiuti destinati a favorire lo sviluppo economico delle regioni ove il tenore di vita sia anormalmente basso, oppure si abbia una grave forma di sottoccupazione,

b) Gli aiuti destinati a promuovere la realizzazione di un importante progetto di comune interesse europeo oppure a porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro,

c) Gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse,

d) Gli aiuti destinati a promuovere la cultura e la conservazione del patrimonio, quando non alterino le condizioni degli scambi e della concorrenza nella Comunità in misura contraria all’interesse comune,

e) le altre categorie di aiuti, determinate con decisione del Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione.

Sembra pertanto più che evidente che i nostri distratti partecipanti alle complesse trattative per l’estensione dei testi dei Trattati (Maastricht e Lisbona) non si siano accorti d’inserire, ad esempio, il Mezzogiorno d’Italia alla stregua delle aree ex DDR, anche se le stesse deroghe “generiche” consentano di potervi accedere egualmente visto che vengono specificati requisiti di eccezionalità economica , di livello di tenore di vita e grave forma di sottoccupazione (in particolare i sopraelencati punti “considerati compatibili” a, b, c e d e quelli “compatibili” b.) .

Inutile sottolineare che i requisiti contemplati nei Trattati come “compatibili” e “considerati compatibili” e pertanto non violano il principio base degli aiuti di Stato, potrebbero essere invocati per il Sud d’Italia, mentre vengono sistematicamente ignorati dai nostri Governi a differenza dei nostri amici tedeschi che, dal 7 febbraio del 1992 (Maastricht), riescono ad ottenere quello che vogliono per le loro aree più disagiate essendo addirittura riusciti ad inserire specificatamente:

“Gli aiuti concessi all’economia di determinate regioni della Repubblica Federale di Germania che risentano della divisione della Germania, nella misura in cui sono necessari a compensare gli svantaggi economici provocati da tale divisione”.

Ma l’Unione Europea è stata creata per favorire gli altri paesi a discapito di altri ad iniziare dal nostro, oppure c’è qualcosa che non quadra? I politici italiani dovevano fare gli interessi dei tedeschi o i nostri?

Nessun commento: