ULTIMI POST

sabato 30 maggio 2015

Alla Fiat di Melfi le operaie non stringono la mano a Renzi, un gesto eloquente di un rapporto ormai spezzato Lavoratori/Governo

Caro Operai Contro,
dietro le facce sorridenti di capi e capetti, a Melfi ci sono anche operaie che si sono rifiutate di stringere la mano a Renzi. Lo hanno fatto sotto gli occhi di Marchionne. Un segnale che si può rompere la spirale del super sfruttamento sulle linee, il clima di terrore che c’è in fabbrica. Paura di essere declassati tra i meno idonei e finire nella lista dei futuri esuberi; paura dovuta al fatto che Marchionne abbia messo un freno alle ribellioni, assumendo figli e nipoti di operai che già lavorano a Melfi, così il padrone pensa di tener sotto ricatto una parte di queste due generazioni di operai.

I telegiornali mostrano Renzi e Marchionne che dai corridoi guardano gli schiavi attraverso le reti che delimitano i reparti, di là gli schiavi lavorano a ritmi forsennati. Renzi circondato dalla gerarchia di fabbrica, sciorina la solita logorroica retorica: contrabbanda per “laboriosità” il super sfruttamento operaio e lo affianca “all’efficientismo” del proprio governo.
Nello schema del super sfruttamento, ogni Team Leader (capetto), gestisce un “dominio” di 6 operai, di loro non controlla solo la produttività, le pause, ma praticamente controlla la loro vita.

I Team leader sono il primo livello del comando di fabbrica, l’anello di congiunzione con i capi Utet (capi reparto), il livello subito sopra di gerarchia.
Marchionne e Renzi: il padrone e il suo governo. Un operazione che propaganda la sottomissione allo sfruttamento e inneggia al patriottismo, vorrebbe legare gli interessi degli operai a quelli del padrone e della patria: oggi produttività sfrenata per il padrone, domani pronti alla guerra per il padrone.
Renzi come faceva Mussolini, visita le fabbriche e i padroni mobilitano responsabili, capi e capetti per riceverlo e poi diffondere video e notizie, facendo credere che sarebbero gli operai a ricevere festosamente Renzi.
Gli operai si preparano a combattere nelle trincee della Fiat, una guerra contro lo sfruttamento, una guerra sempre meno sotterranea, da combattere intelligentemente, ma senza riserve.
Angela ex operaia della Fiat

1 commento:

silviononquello.. ha detto...

io ho hsa un mini-duomodimilano.. chi offre di più? ^^