ULTIMI POST

giovedì 8 gennaio 2015

Renzi a casa, se i finti dissidenti del Pd facessero sul serio

La rivolta dei “dissidenti” contro Renzi? Un gioco delle parti, che ha un unico obiettivo: far credere che il Pd sia ancora un partito di sinistra, tamponando l’emorragia di elettori delusi. Ma è solo teatro, secondo Marco Della Luna: i vari Cuperlo, Fassina e Civati si limitano a una «apparente battaglia interna» rumorosa ma inconlcudente, basata su temi «interessanti ma marginali» come il Jobs Act, «che in fondo introduce cambiamenti modesti rispetto a quanto già fatto dai governi precedenti». La sciagurata riforma Fornero? Approvata da tutto il Pd, unito e compatto, come sempre è stato il centrosinistra di fronte alle “controriforme” varate per colpire i lavoratori, dal pacchetto Treu alla legge Biagi. Comandano i poteri forti euroatlantici, economici e finanziari. Il Pd si limita a obbedire, con Renzi che recita il suo copione narrativo e i “dissidenti” che lo completano coi loro ricami verbali. «La critica reale – scrive Della Luna – sarebbe quella sui risultati pratici del suo governo e su dove ci sta portando in concreto e a breve». L’Italia sta collassando, e Renzi non ha un “piano-B”. «A giugno scatterà la clausola di salvaguardia che porta l’Iva al 25%, in mancanza di ripresa del Pil. Vi immaginate la conseguenza per la domanda interna?».

Anziché limitarsi a schermaglie tattiche, a Renzi bisognerebbe «chiedergli di andarsene e togliergli la fiducia semplicemente perché ha completamente fallito e non ha un piano alternativo, e si difende solo mentendo sui dati e attribuendo la colpa a capri espiatori come i gufi, i frenatori, i dissidenti, i conservatori». La realtà è ben altra: «Anche con lui, continuano a crescere disoccupazione, indebitamento, deficit, pressione fiscale». La promessa renziana di un rilancio mediante investimenti massicci europei? «E’ stata stroncata proprio dalla Commissione Europea e dal quello Juncker che egli ha sostenuto e votato, oltre che dal paese guida, la Germania». Renzi in Europa? Non pervenuto: «La sua presidenza semestrale dell’Ue è contata zero». Quanto alla spending review, «è stata fermata proprio da lui: minacciava il meccanismo del consenso partitocratico». Nient’altro che «un bluff», il renzismo, per prendere tempo ed eludere l’unica grande, vera decisione possibile, «cioè l’uscita dall’euro se entro marzo l’euro non verrà riformato e gli investimenti non verranno iniziati in misura adeguata, non la pagliacciata dei 21 miliardi per tutta l’Ue».

Secondo Della Luna, servirebbero almeno 2.000 miliardi, cioè quelli che la Bce ha dispensato alle banche per tappare i buchi di bilancio. Dove crede di andare, l’Italia, con le imprese sottoposte a una pressione fiscale del 68% contro il 47% di Stati Uniti e Germania? Il cambio «artificialmente alto e non aggiustabile», sancito dall’euro, «ostacola le esportazioni». Impossibilie fare investimenti antirecessivi, «a causa dei vincoli europei di bilancio e della rinuncia al controllo della moneta». Risultato: «Nel mercato competitivo globale, con queste premesse, l’Italia è semplicemente e automaticamente spacciata, e senza bisogno di aspettare che i milioni di disoccupati, sottoccupati, maloccupati, inoccupati e precari di oggi diventino i pensionati alla fame di domani». Le promesse e le rassicurazioni di Renzi? «Sono balle che nascondono la catastrofe imminente, così vicina che Renzi e Berlusconi non provano nemmeno a evitarla, e preferiscono, con la spinta di Merkel e Napolitano, correre a riforme elettorali e parlamentari mirate a porre la partitocrazia in grado di tenere in pugno il paese anche nell’imminente periodo di rovina economica e rottura sociale».

Se l’opposizione interna del Pd fosse sincera, conclude Della Luna, darebbe battaglia su questo: «Direbbe che, senza un’inversione immediata della rotta, finiamo diritti sugli scogli esattamente come la Costa Concordia in mano a Schettino. Non continuerebbe a votargli la fiducia, ma gliela negherebbe apertamente denunciando le sue vere intenzioni, ormai chiarissime. Intenzioni che continuano quelle dei suoi predecessori». Troppo debole numericamente, la minoranza Pd? «Le grosse scissioni nell’apparato di un partito non avvengono fintantoché il partito garantisce all’apparato i suoi abituali profitti da “intermediazione politica”. E ora, figuriamoci, gli apparati pregustano le spese per le Olimpiadi del 2024». In tutto ciò, la sensazione è che «i supposti dissidenti» in realtà stiano facendo il gioco delle parti, d’accordo con Renzi, «nel senso che inscenano, nella tradizione del migliore Pci entro il vecchio consociativismo, un’opposizione di sinistra allo scopo che il partito di Renzi e delle riforme inutili e autoritarie non perda suoi elettori di sinistra, e che questi ancora si illudano di essere rappresentati dentro quel partito».

Nessun commento: