ULTIMI POST

mercoledì 12 novembre 2014

La grande guerra fra Stati e Mercati

di Lidia Undiemi
In un sistema economico e finanziario fortemente globalizzato, si governa con i trattati internazionali. Quella che stiamo vivendo è una vera e propria guerra fra Stati e mercati, ovvero il capitale internazionale. Per comprenderne la portata, basta ragionare sul nuovo strumento messo in campo dalla BCE per far fronte alla crisi dell’Eurozona, ossia l’OMT. L’OMT (Outright monetary transactions) è un piano di acquisto illimitato sul mercato secondario dei titoli pubblici degli stati in difficoltà, nato con lo scopo di ridurre le pressioni dei mercati che si manifestano attraverso l’aumento dello spread.



Per questa ragione, tale strumento è stato anche definito “piano anti spread” oppure “piano salva euro”, proprio perché venne preannunciato nel 2012 da Mario Draghi, quando disse: “farò di tutto per salvare l’euro”.Ma lungi dall’essere un aiuto disinteressato in favore dei paesi che versano in una situazione di emergenza, l’accesso all’OMT è subordinato alla sottoscrizione di un accordo con il MES  (un’organizzazione finanziaria di cui su questo blog si è parlato a lungo), cioè all’obbligo di sottoporsi a cosiddette condizioni rigorose, ovvero il rispetto dell’agenda politica imposta da tale organizzazione finanziaria (le famose “riforme” richieste a gran voce dalla BCE di Mario Draghi). Tradotto: se non vi fate commissariare non riceverete alcun aiuto qualora i mercati generino destabilizzazioni finanziarie (ndre sappiamo bene quanto sia facile, alla bisogna, destabilizzare i mercati).
Ecco un esempio di come i circuiti finanziari, mediante un accordo-trattato internazionale quale è il MES, riescano a governare un paese scavalcando qualsiasi barriera democratica.
Aspettiamoci presto un’altra lettera con le riforme dettate dai mercati.

Nessun commento: