ULTIMI POST

domenica 14 settembre 2014

Teorie cospirative? Poi si sono rivelate sempre realtà


DI PAUL JOSEPH WATSON E ALEX JONES 
Infowars

Anche se il termine “teoria del complotto” è diventato un dispregiativo, usato contro chiunque metta in discussione la versione ufficiale degli eventi, ci sono innumerevoli esempi nella storia che dimostrano il contrario. Paul Joseph Watson e Alex Jones, autori del sito web Infowars, propongono di prendere dieci esempi di teorie del complotto rivelatasi poi essere vere.

1) Operazione AJAX e operazioni False Flag
L'idea che i governi e le agenzie d'intelligence svolgano da molti anni atti terroristici battezzati “false flag” è stata più volte ridicolizzata e accusata di cospirazione dai media ufficiali, nonostante esista una gran quantità di casi documentati storicamente.

Dopo decenni di ostinata negazione, nell'agosto del 2013, la CIA ha finalmente ammesso il suo ruolo nel colpo di stato del 1953 in Iran che portò al rovesciamento di Mohammad Mossadegh sotto l'egida dell'Operazione AJAX.



Nell'ambito di questa operazione la CIA organizzò anche delle operazioni segrete che includevano atti di terrorismo di “false flag” provocando la morte di circa 300 persone.
2) Golfo del Tonchino
Il 4 agosto del 1964 il presidente Lyndon Johnson apparve in televisione per annunciare alla nazione che le forze nord vietnamite avevano lanciato due attacchi contro cacciatorpedinieri americani nel Golfo del Tonchino. Il Vietnam del Nord aveva attaccato delle navi americane.
Il 2 agosto, il cacciatorpediniere Maddox affermò di aver individuato tre torpedinieri nordvietnamiti che gli si avvicinavano. Secondo Washington, la nave era in acque internazionali, ma diversi storici hanno ragione di credere che il cacciatorpediniere americano stesse navigando (volutamente o no) nelle acque territoriali della Repubblica Democratica del Vietnam. Ha ingaggiato un combattimento risultato del quale alcune delle navi da guerra del Vietnam del Nord vengono danneggiate e battono in ritirata, mentre il cacciatorpediniere americano non accusa alcun danno. Il secondo incidente si è verificato durante una tempesta tropicale nel Golfo del Tonchino, quando il radar di un cacciatorpediniere americano avrebbe rilevato dieci navi non identificate.
Il 7 agosto del 1964 il Congresso autorizzò il presidente ad una grande operazione militare in Vietnam.
3) Operazione Gladio
Passata la seconda Guerra Mondiale, gli USA sponsorizzano e organizzano atti terroristici per attribuirli poi ai movimenti di sinistra. Dopo la guerra la CIA e il britannico MI6 collaborarono, aiutati dalla NATO, nell'Operazione Gladio, uno sforzo per far apparire i movimenti europei di sinistra come terroristi e instaurare così la paura nella popolazione, al fine di farla votare a favore dei governi di destra.
Per compiere questa missione il Servizio Segreto condusse una serie di attacchi terroristici mortali, attribuiti poi alla sinistra e ai marxisti, eseguiti però da elementi della criminalità organizzata, agenti provocatori e unità militari segrete.
4) Operazione Northwoods
Come parte della guerra segreta contro Cuba e dell'Operazione Mangusta della CIA, lo Stato Maggiore degli Stati Uniti propose, nel 1962, di realizzare atti di terrorismo reali e simulati (come ad esempio dei dirottamenti) sul suolo americano, chiamata poi Operazione Northwoods.
Il presidente John F. Kennedy, ancora vacillante dopo l'imbarazzante fallimento della CIA per l'invasione alla Baia dei Porci a Cuba, respinse il piano nel marzo del 1962.
5) Gleiwitz: provocazione o incidente?
Nel 1939, la Germania nazista, che già aveva invaso l'Austria, i loro sudditi e la Repubblica Ceca, era pronta a dirigere tutto il suo potere militare contro la Polonia, paese che aveva firmato con la Gran Bretagna e la Francia un trattato di mutua assistenza in caso di aggressione. In virtù di tale trattato, i paesi si erano impegnati a entrare in guerra in caso uno di loro fosse stato attaccato.
Al fine di giustificare un attacco al paese vicino fu realizzata una finta operazione in cui soldati tedeschi vestiti con uniformi polacche avrebbero messo in scena un attacco alla stazione radio di Gleiwitz per poi trasmettere un messaggio in cui si incitava la minoranza polacca di Slesia a prendere le armi contro Adolf Hitler. Come “prova” dell'attacco, i nazisti uccisero e vestirono con delle uniformi polacche alcuni prigionieri di un campo di concentramento. Il primo settembre dello stesso anno Hitler comunicava al suo popolo l'incidente e annunciava che la Germania aveva dichiarato guerra alla Polonia. Fino ai processi di Norimberga, quando furono poi declassificati documenti segreti delle SS non si è mai realmente saputo cosa accadde quel giorno.
6) Le compagnie del tabacco addizionavano deliberatamente sostanze chimiche alle sigarette
Le cospirazioni non riguardano esclusivamente solo i governi, possono anche essere destinate ai consumatori. Secondo la BBC, le multinazionali americane del tabacco sono state "prese con le mani nel sacco” nell'aggiungere deliberatamente alle sigarette prodotti chimici per causare dipendenza.
7) Operazione Fast and Furious
Attraverso l'operazione Fast and Furious il governo Obama ha fornito armi alle bande della droga messicane in modo da poter seguire le loro tracce e raccogliere informazioni. L'obiettivo era quello di scoprire maggiori cospirazioni criminali al di là del confine. Senza informare le autorità messicane, l'agenzia per l'alcool il tabacco e le armi da fuoco ed esplosivi (ATF) ha fatto in modo che più di 2.500 armi d'assalto entrassero illegalmente in Messico.
8) Spionaggio e sorveglianza di massa dell'NSA
Oltre dieci anni prima delle rivelazioni di Edward Snowden, la National Security Agency (l'NSA) era stata impegnata a intercettare e registrare tutto mondo delle comunicazioni elettroniche attraverso il programma Echelon. Nel 1999, il governo australiano ha ammesso di aver partecipato al programma di intercettazione e sorveglianza globale condotto dalla NSA chiamato Echelon collaborando con USA e Regno Unito. L'obiettivo del programma era quello di ascoltare "tutte le chiamate internazionali, fax, e-mail, o trasmissioni radio" del pianeta. Inoltre nel 2001 un dossier del Parlamento europeo ha affermato che “in Europa tutte le mail, le telefonate e i fax vengono intercettati di routine” dalla NSA.
9) Il traffico di droga e armi della CIA
La Central Intelligence Agency è stata partecipe in traffici di droga e armi in tutto il mondo; anche a livello nazionale. Lo scandalo che ha avuto più ripercussioni è stata l'operazione Iran-Contra, in cui il governo degli Stati Uniti, sotto l'amministrazione Reagan, ha venduto armi all'Iran, impegnato in quel periodo nella guerra contro l'Iraq, e ha poi finanziato i gruppi armati rivoluzionari nicaraguensi conosciuti come Contras. In cambio i Contras contrabbandavano cocaina verso gli Stati Uniti con la benedizione della CIA per essere poi distribuita a Los Angeles. Gli utili derivanti dalla vendita tornavano poi ai Contras.
10) La pistola per provocare un “attacco cardiaco” della CIA
Nel 1975, durante una testimonianza al Senato degli USA sulle attività illegali della CIA, fu rivelato che l'agenzia aveva sviluppato una pistola per causare un attacco di cuore. "Nella prima udienza, svolta nella sala Caucus del Senato, il presidente Church (il senatore dell'Idaho Frank Church, che presiedeva la Commissione per indagare sul caso Watergate) illustrava con un drammatico gesto una pistola a dardi velenosi della CIA. Rivelando così che la Commissione era venuta a conoscenza del fatto che l'Agenzia aveva violato direttamente un ordine presidenziale, conservando uno stock di tossine dei molluschi che sarebbe stato sufficiente a uccidere migliaia di persone", secondo la pagina web del Senato.
Prima di entrare rapidamente nel sangue questo veleno letale provoca un attacco cardiaco. Una volta che il danno è fatto, il veleno si altera rapidamente, quindi è improbabile che durante un’ autopsia venga rilevato che l'attacco di cuore è stato causato da cause non naturali. Sembra l'arma perfetta di James Bond, ma è una verità verificata di fronte al Congresso

PAUL JOSEPH WATSON E ALEX JONES
Fonte:  www.infowars.com

Io aggiungo:

11) In Italia un movimento di Cittadini, che sbaraglia le Elezioni Politiche del 2013, è preso stranamente di mira da Organi di informazione e Partiti di Governo e malamente messo all'angolo in quelle Istituzioni dove è riuscito a portare i propri Rappresentanti. Formazioni Politiche che per anni sono state in antitesi tra loro, improvvisamente trovano l'Unita su un interesse comune: trovare una larga intesa per annullare il Movimento 5 Stelle e salvare i privilegi e le interconnessioni al limite della legalità acquisite in anni ed anni di attività politica che forse nulla ha avuto a che fare con gli interessi dei cittadini, fondata esclusivamente su interessi personali o di Lobby.

Nessun commento: