ULTIMI POST

giovedì 5 giugno 2014

Travaglio : " Chiedete scusa a Grillo e Casaleggio ". La convivenza tra Politica e malaffare in Italia è un male cronico

#mazzettastaiserenissima, questo il titolo dell'editoriale scritto da Marco Travaglio su Fatto Quotidiano di oggi, 5 giugno. Il giornalista approfondisce il tema del giorno: il caso delle presunte tangenti pagate per gli appalti del Mose a Venezia. Travaglio comincia così il suo editoriale:

Se esistesse ancora un minimo di decenza, milioni di persone perbene - elettori, giornalisti, intellettuali, eventuali politici e imprenditori - dovrebbero leggersi l'ordinanza dei giudici di Venezia sul caso Mose e poichiedere umilmente scusa a Beppe Grillo e ai suoi ragazzi. Anni e anni sprecati ad analizzare il suo linguaggio, a spaccare in quattro ogni sua battuta, a deplorare il suo populismo, autoritarismo, giustizialismo, a domandarsi se fosse di destra o di centro o di sinistra, a indignarsi per le sue parolacce, a scandalizzarsi per le sue espulsioni, ad argomentare sui boccoli di Casaleggio e sul colore del suo trench, a irridere le gaffes dei suoi parlamentari, a denunciare l'alleanza con l'improbabile Farage (l'abbiamo fatto anche noi, ed era giusto farlo, ma in un paese normale: dunque non in Italia). Intanto destra, sinistra e centro - quelli che parlano forbito e non hanno i boccoli - rubavano. Rubavano e rubano tutti, e insieme, sempre, regolarmente, scientificamente, indefessamente, su ogni grande e piccola opera, grande e piccolo evento, appalto, consulenza, incarico. 

La "Grande Razzia" è sopravvissuta a Mani Pulite, prosegue il giornalista, mettendo in evidenza il fatto che rubare è una prerogativa della classe politica-imprenditoriale italiana. Leggiamo:

Anzi, ogni grande e piccola opera, grande e piccolo evento, appalto, consulenza, incarico servono soltanto a far girare soldi per poterli rubare. Tutti i più vieti luoghi comuni del qualunquismo bar - sono tutti d'accordo, è tutto un magnamagna - diventano esercizi di minimalismo davanti alla Cloaca Massima che si spalanca non appena si intercetta un telefono, si pedina un vip, si interroga un imprenditore. Basta sollevare un sasso a caso per veder fuggire sorci, pantegane, blatte e bacherozzi maleodoranti con i nostri soldi in bocca, o in pancia (il Mose doveva costare 2 miliardi, ne costerà 6 e ora sappiamo perché). La Grande Razzia che ha divorato l'Italia e continua a ingoiarsene le ultime spoglie superstiti è sopravvissuta a Mani Pulite, agli scandali degli ultimi vent'anni e alla crisi finanziaria, nutrendosi dell'impunità legalizzata, dell'illegalità sdoganata e dell'ipocrisia politichese di chi vorrebbe ancora convincerci che esistono i partiti, le idee, i valori della destra, del centro e della sinistra.

Travaglio prosegue nella sua accusa citando anche l'articolo 27 della Costituzione che disciplina la presunzione di colpevolezza. Secondo il giornalista, questo articolo ha perso il suo significato.

Invece esiste soltanto una gigantesca, trasversale, post-ideologica associazione per delinquere che si avventa famelica su ogni occasione per rubare, grassare e ingrassare a spese di quei pochi fessi che ancora si ostinano a pagare le tasse. A ogni scandalo ci raccontano la favola delle mele marce, la frottola della lotta alla corruzione, l'annuncio di regole più severe, la promessa del rinnovamento, della rottamazione. E intanto continuano a rubare, secondo un sistema oliato e collaudato di larghe intese del furto che precede e spiega le larghe intese di governo. E la totale mancanza di opposizione a sinistra negli anni del berlusconismo rampante e rubante. Anche l'art.27 della Costituzione, quello della presunzione di non colpevolezza, diventa una barzelletta se si leggono le carte delle indagini su Expo e sul Mose, dove i protagonisti delinquono in diretta telefonica, o a favore di telecamera: non c'è bisogno della Cassazione, e nemmeno della sentenza di primo grado, per capire che rubavano davvero. Politici, imprenditori, funzionari, generali della Finanza, giudici amministrativi e contabili. Il solito presepe di sempre, che avvera un'altra celebre battuta da bar: a certi livelli "non esistono innocenti, solo colpevoli non ancora presi". Renzi non ruba, e i suoi fedelissimi sono lì da troppo poco tempo.

In conclusione, ecco la stoccata a Piero Fassino:

Ma rischia di diventare il belletto per mascherare un partito marcio con cui - per prenderne il controllo - ha accettato troppi compromessi. Marcio nella testa prim'ancora che nelle tasche. Ieri, senz'aver letto un rigo dell'ordinanza, l'ineffabile Piero Fassino già giurava sulla leggendaria probità del sindaco Orsoni appena arrestato ("chi lo conosce non può dubitare della sua onestà e correttezza"), invitando i giudici ad appurarne al più presto l'innocenza per "consentirgli di tornare alla funzione di sindaco". Perché, se ne appurassero la colpevolezza cosa cambierebbe? Fassino lo promuoverebbe a suo braccio destro, come ha fatto con Quagliotti pregiudicato per tangenti?

Nessun commento: