ULTIMI POST

venerdì 30 maggio 2014

Il disastro italiano

di Perry Anderson
L'Europa è malata. Quanto gravemente è questione non sempre facile da giudicare. Ma tra i sintomi ce ne sono tre di cospicui, e interrelati.
Il primo, e più familiare, è la svolta degenerativa della democrazia in tutto il continente, di cui la struttura della UE è a un tempo la causa e la conseguenza. Lo stampo oligarchico delle sue scelte costituzionali, a suo tempo concepite come impalcatura di una sovranità popolare a venire di scala sovranazionale, nel tempo si è costantemente rafforzato. I referendum sono regolarmente sovvertiti se intralciano la volontà dei governanti. Gli elettori le cui idee sono disdegnate dalle élite rigettano i governi che nominalmente li rappresentano, l'affluenza alle urne cala di elezione in elezione. Burocrati che non sono mai stati eletti controllano i bilanci dei parlamenti nazionali espropriati del potere di spesa.
Ma l'Unione non è un'escrescenza di stati membri che, senza di essa, sarebbero in buona salute. Riflette, tanto quanto aggrava, tendenze di lungo corso al loro interno. A livello nazionale, virtualmente ovunque, dirigenti addomesticano o manipolano le legislature con crescente facilità; partiti perdono iscritti; elettori perdono la fiducia di contare considerato che le scelte politiche si assottigliano e le promesse di differenze durante le campagne elettorali si riducono o svaniscono una volta in carica.

All'involuzione generalizzata si è accompagnata una corruzione pervasiva della classe politica, argomento su cui le scienze politiche, parecchio loquaci a proposito di quello che nel linguaggio dei contabili è definito il deficit democratico dell'Unione, solitamente tacciono.
Le forme di tale corruzione devono ancora trovare una tassonomia sistematica. C'è la corruzione pre-elettorale: il finanziamento di persone e partiti da fonti illegali - o legali - contro la promessa, esplicita o tacita, di futuri favori. C'è la corruzione post-elettorale: l'uso delle cariche per ottenere fondi mediante malversazioni sulle entrate o mazzette sui contratti. C'è l'acquisto di voci o voti nei parlamenti. C'è il furto puro e semplice dalle casse pubbliche. C'è la falsificazione di credenziali per vantaggi politici. C'è l'arricchimento dalla carica pubblica dopo l'evento, così come durante o prima di esso.
Il panorama di questa malavita [in italiano nel testo] è impressionante. Un affresco di esso potrebbe cominciare con Helmut Kohl, governante della Germania per sedici anni, che accumulò due milioni di marchi di fondi neri da donatori illegali i cui nomi, quando fu denunciato, rifiutò di rivelare per timore che venissero alla luce i favori che aveva fatto loro. Oltre il Reno, Jacques Chirac, presidente della Repubblica Francese per dodici anni, fu condannato per appropriazione di fondi pubblici, abuso di ufficio e conflitti d'interesse, una volta caduta l'immunità. Nessuno dei due ha subito pene. Questi erano due dei più potenti politici dell'epoca in Europa. Uno sguardo allo scenario dopo di allora è sufficiente a cancellare qualsiasi illusione che essi fossero dei casi rari.

Continua a leggere l'articolo su SINISTRAINRETE.INFO.

Nessun commento: