ULTIMI POST

martedì 20 maggio 2014

Governabilità? E' il pretesto per non cambiare niente

La stabilità politica non dipende dal sistema elettorale, ma dalla forma di governo. Se è il Parlamento a votare la fiducia, non c’è da giurare sulla durata del premier. L’unica forma veramente sicura, per l’esecutivo, è il presidenzialismo: si elegge un capo del governo, che spesso è anche il capo dello Stato, che resta in carica per l’intero mandato, al riparo dal voto delle Camere. Se l’obiettivo dei maggiori partiti è questo, cioè la famosa “governabilità”, perché ostinarsi a cambiare il sistema elettorale? Perché le «vere intenzioni» sono altre e restano occulte, sostiene Aldo Giannuli. Con il Porcellum e ora l’Italicum, il Parlamento viene subordinato al governoanche nella formazione delle leggi. Attraverso il maggioritario, il sistema politico viene blindato, sbarrando la strada agli outsider. Risultato: il ceto politico domina la società civile ed emargina le potenziali forze anti-sistema.
Il ventennio maggioritario italiano, ricorda Giannuli nel suo blog, conferma che il sistema elettorale fondato su premio di maggioranza e soglia Renzidi sbarramento non mette affatto ilgoverno al riparo dalle crisi: in 19 anni, dal 1994 a oggi, non c’è stato un solo governo capace di durare per l’intera legislatura. Nel ‘94 fu la Lega di Bossi a uscire dalla coalizione  di centrodestra dopo soli sette mesi, determinando la caduta del governo Berlusconi. Quattro anni dopo, nel ‘98, fu Rifondazione Comunista a disertare dalla maggioranza di centrosinistra facendo cadere l’esecutivo Prodi. Il successivo governoD’Alema si dimise a sua volta nel 2000 per le tensioni interne alla maggioranza, lasciando il posto ad Amato. E ancora: nel 2005 fu l’Udc di Casini a provocare la caduta del Cavaliere, cui seguì un nuovo governo Berlusconi che concesse la riforma del sistema elettorale ( il “Porcellum”). E nel 2008 furono i gruppi di Dini e Mastella a far cadere nuovamente Prodi, aprendo la strada alle elezioni anticipate. Non si è trattato solo di rotture interne alle coalizioni, precisa Giannuli, ma anche di scissioni del partito di maggioranza: accadde nel 2010 con la defezione di Fini dal Pdl, che ridusse ai minimi termini la maggioranza di centrodestra, che poi crollò definitivamente nel novembre 2011.
Finora, la regola del maggioritario è stata: chi si divide perde, ma chi vince poi non governa. «Il maggioritario tende a stabilizzare il quadro politico esistente e, pertanto, determina la formazione di sinistra e destra nominali, che in realtà sono entrambe forze di centro tendenti verso l’una o l’altra sponda del sistema», scrive Giannuli. «Non è un caso che, dal 1994, le coalizioni abbiano preso a denominarsi “centrosinistra” e “centrodestra”», a conferma del fatto che «nel maggioritario c’è solo un grande centro, più o meno caratterizzato in un senso o nell’altro». Legittimo proporre un assetto di sistema che abbia caratteristiche di centralità dell’esecutivo, «ma perché non dichiararlo apertamente e contrabbandare tutto con la truffa della governabilità? Forse perché la gente reagirebbe malissimo all’idea di blindare il ceto politico esistente?».

Nessun commento: