ULTIMI POST

giovedì 26 dicembre 2013

Ecco la prova dell'attacco mediatico organizzato contro il Movimento 5 Stelle

Lesa maestà, così Scalfari attacca (e insulta) la Spinelli


«Sono stupita dalle parole che Eugenio Scalfari dedica non tanto e non solo alle mie idee sulla crisi italiana ma, direttamente, con una violenza di cui non lo credevo capace, alla mia persona». Barbara Spinelli replica così all’inaudito attacco rivoltole da Eugenio Scalfari, furibondo per la scelta della grande editorialista di affidare a Marco Travaglio la dura critica nei confronti di Napolitano, contenuta nel libro “Viva il Re!”, edito da Chiarelettere. L’altra grande “colpa” della figlia di Altiero Spinelli, padre del federalismo democratico europeo? Essersi categoricamente rifiutata di partecipare alla demonizzazione sistematica di Grillo, orchestrata da “Repubblica” e diretta in primo luogo dallo stesso Scalfari, la cui celebrata autorevolezza è stata di recente danneggiata dalla notizia – diffusa proprio dal “Fatto Quotidiano” – di una cena super-riservata nella quale il fondatore di “Repubblica” avrebbe discusso del futuro del paese ospitando a cena, nella sua casa romana, lo stesso Napolitano insieme a Mario Draghi ed Enrico Letta.
«Chissà se oggi i giornali e i tg, l’Ordine dei giornalisti e la Federazione della stampa, ma anche il premier Letta e la presidente della Camera Boldrini, Scalfaridenunceranno la nuova “gogna per giornalisti” e solidarizzeranno con la vittima», scrive il “Fatto” all’indomani della sortita di Scalfari. «L’interrogativo sorge spontaneo, visto che la gogna non l’ha allestita Grillo contro una penna ostile ai 5 Stelle, ma Eugenio Scalfari contro Barbara Spinelli, la più prestigiosa editorialista di “Repubblica”, cioè del suo stesso giornale». Finora soltanto Gad Lerner, anche lui firma illustre del quotidiano, ha osato criticare sul suo blog la «ramanzina sgradevole, impropria e di pessimo gusto». Diversamente dal blog di Grillo, che pubblica stralci di articoli menzogneri e poi ne smonta il contenuto (talvolta insultandoli, come con la Oppo, talvolta no, come con Merlo e Battista), Scalfari fa di peggio: insulta chi si permette di criticare Napolitano («il fuoco dei cannoni da strapazzo… spara Grillo, spara Travaglio, spara perfino Barbara Spinelli»), ma non cita mai quelle critiche per contestarle nel merito, «forse nel timore che i lettori le condividano».
Il peccato mortale della Spinelli, continua il “Fatto”, è di non aver partecipato alla demonizzazione di Grillo e soprattutto di aver raccontato a Marco Travaglio, per il libro “Viva il Re!”, uno scambio di lettere e un incontro con Napolitano. «Ma questo i lettori di “Repubblica” non devono saperlo, dunque Scalfari non lo dice». Le scrive invece di aver «ascoltato i tuoi appunti su Napolitano affidati alla ‘recitazione’ di Travaglio». Allusione all’ultima puntata di “Servizio Pubblico”, in cui Travaglio non ha mai recitato alcunché: semplicemente Santoro ha affidato a un’attrice la lettura di alcuni brani dell’intervista alla Spinelli contenuta nel libro. «Invece di smentire, casomai ci riuscisse, l’allergia di Napolitano alle critiche della libera stampa descritta e documentata dalla Spinelli», Scalfari attacca personalmente la editorialista dandole dell’ignorante («conosce poco o nulla la storia d’Italia») e le ricorda che è “figlia di Altiero Spinelli” e che questo è il suo “maggior Barbara Spinellibene”, «manco fosse una ragazzina che deve presentarsi accompagnata dai genitori e chiedere il loro permesso per scrivere e per pensare».
Infine la informa di aver “cancellato dalla memoria” quanto ha scritto su Grillo e detto su Napolitano. «Per molto meno – chiosa il “Fatto” – c’è chi verrebbe accusato di fascismo, squadrismo, gogna, liste di proscrizione, macchina del fango, misoginia e sessismo. Se Barbara non fosse una signora, potrebbe ricordare a Scalfari – come fece Giorgio Bocca – che è figlio di un croupier del casinò di Sanremo, o – come fanno in pochi – che da giovane era caporedattore di “Roma Fascista”. Si attende comunque con ansia l’intervento del governo, del Parlamento, del Quirinale e possibilmente dell’Onu per il vile attentato alla libertà di stampa».

Nessun commento: